Per quale motivo, per alcuni animali, nel nome scientifico genere e specie coincidono?

Un gruppo di amici appassionati di natura Veronica, Francesca, Patrizia e Andrea ci hanno posto questa domanda.

Risponde Luca Bartolozzi, Responsabile della Sezione di Zoologia “La Specola” del Museo di Storia Naturale

In ambito zoologico un autore che descrive un nuovo genere o una nuova specie può sceglierne liberamente il nome.

L’unica norma da rispettare è che il nome del genere non sia già presente fra tutti gli altri generi del regno animale, e che il nome della nuova specie non sia già presente fra le specie incluse nel genere in cui la nuova specie viene inserita. Evidentemente certi autori hanno preferito dare al genere lo stesso nome della specie, o viceversa.

Il termine tecnico che definisce questa prassi nomenclaturale è “tautonomìa”. Una lista dei tautonimi esistenti si può trovare sul sito: https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_tautonyms

 

Hai ancora domande su questo argomento? Scrivi a chiediloaunifi@unifi.it